ItaliaM5SNord e Centro AmericaUncategorized

La cattura di Battisti una bella notizia, ma quanta propaganda!

Cesare Battisti è stato assicurato alla giustizia dopo una latitanza di 37 anni. Una buona notizia, per la quale è giusto ringraziare le forze di polizia che hanno concorso alla cattura. Ma c’è una misura nelle cose. La speculazione politica della vicenda è fin troppo evidente, e per me nauseante. I toni da curva (“marcire in galera” e simili) non si addicono a esponenti istituzionali. E neppure l’indicazione al pubblico disprezzo del capro espiatorio ideologico, “assassino comunista”. C’era davvero bisogno per esempio che due ministri andassero all’aeroporto ad accogliere il latitante? Propaganda, solo propaganda di parte, a uso e consumo di quel grande frullatore di suggestioni di pancia che è diventata la comunicazione politica nell’era dei social media.

Vogliamo semmai trarre un impegno concreto da questa vicenda?  Governo e forze dell’ordine ora si occupino – come ha auspicato il presidente Mattarella – di tutti i latitanti italiani che hanno fatto perdere le loro tracce all’estero, tra i quali figurano numerosi ex eversori e terroristi di ogni colore politico e matrice ideologica. 

Il Corriere della sera di oggi ne compila un dettagliato elenco. 

https://www.corriere.it/politica/cards/dalla-francia-peru-dove-sono-latitanti-rossi-neri-che-l-italia-non-puo-riavere/tanti-francia-protetti-dottrina-mitterand_principale_preview.shtml?reason=unauthenticated&cat=1&cid=DukaYRcS&pids=FR&origin=http%3A%2F%2Fwww.corriere.it%2Fpolitica%2Fcards%2Fdalla-francia-peru-dove-sono-latitanti-rossi-neri-che-l-italia-non-puo-riavere%2Ftanti-francia-protetti-dottrina-mitterand_principale.shtml

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *