Fiorenzo BorghiItaliaM5SNord e Centro America

Gioco al massacro su Giulia Sarti

Quel che sta capitando a Giulia Sarti è di una gravità incredibile. La sua vita intima squadernata in pubblico senza pietà. Niente può giustificare questa violazione del suo diritto alla privacy. Giulia Sarti ha commesso errori, ha scelto male la persona a cui ha delegato la gestione dei suoi conti e dei suoi video, persona che poi ha denunciato senza prove ritenute valide dai giudici. Si è resa vulnerabile e ricattabile. Si è dimessa per questo da presidente della commissione giustizia della Camera. Ora attende il giudizio dei probiviri del m5s. Se ha commesso irregolarità in modo consapevole sui bonifici, deve essere espulsa. Se espulsa farebbe bene a dimettersi dal parlamento. Ma un prezzo molto alto lo sta già pagando. Lo ha già pagato. Un prezzo che nessuno merita di pagare. Senza risarcimento possibile. Per la vendetta di chi si muove nell’ombra e ha deciso vigliaccamente di fargliela pagare. Il resto lo ha fatto il cortocircuito della rete, il gioco al massacro della condivisione morbosa. Revenge porn è uno dei nomi moderni della violenza. Urge una legge molto severa, per limitare i danni, per colpire le carogne. Vero, ma non basterà. Revenge porn è uno dei costi collaterali della nostra natura di bruti.

The massacre on Giulia Sarti

What is happening to Giulia Sarti is of an incredible gravity. His intimate life displayed in public without mercy. Nothing can justify this violation of your right to privacy. Giulia Sarti has made mistakes, she has chosen the person to whom she has delegated the management of her accounts and of her videos, a person who then reported without evidence deemed valid by the judges. It has become vulnerable and blackmailing. She resigned as president of the Chamber of Justice commission. Now she awaits the judgment of the m5s arbitrators. If Giulia has made irregular money transfers knowingly, she must be expelled. If expelled she would do well to resign from parliament. But a very high price is already paying. He already paid for it. A price that nobody deserves to pay. Without possible compensation. For the revenge of those who move in the shadows and decided cowardly to make them pay. The rest was done by the short circuit of the network, the game to the massacre of morbid sharing. Revenge porn is one of the modern names of violence. A very strict law is urgently needed to limit damage to hit carrion. True, but it won’t be enough. Revenge porn is one of the side costs of our brute nature.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *